Stress da rientro: anche i cani ne soffrono, ecco come aiutarli

stress da rientro cani

Ed ecco arrivare settembre, con il temuto rientro al lavoro, ai banchi di scuola e alla routine della vita quotidiana. Un passaggio difficile non solo per le persone ma anche per i cani che hanno trascorso le vacanze con i proprietari, e che ora si trovano improvvisamente ad affrontare lunghe ore in solitudine. Gli esperti confermano che anche gli amici a 4 zampe possono soffrire di “stress da rientro”.

“Spesso a risentirne sono i cani più giovani, che non hanno ancora maturato l’esperienza sufficiente per sapere che ad ogni partenza, ad ogni vacanza fa seguito un rientro e potrebbero quindi essere particolarmente esposti al rischio di soffrire di solitudine”, spiega la Dott.ssa Sabrina Giussani, Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale.
Un rischio tuttavia non confinato ai cuccioli ma possibile ad ogni età. “Dopo intere giornate trascorse insieme al proprietario e alla famiglia, con tanto tempo passato all’aperto a giocare insieme o facendo attività divertenti, anche per il cane il rientro rischia di trasformarsi in un momento di stress emotivo”.

Come riconoscere dunque una sofferenza del cane? “Un comportamento caratteristico quando il cane si sente solo è quello dell’inibizione, ovvero rimane nella cuccia, o dietro la porta o comunque resta per lungo tempo fermo in un punto senza muoversi in atteggiamento di attesa del ritorno del proprietario”. Ma sono possibili anche sintomi opposti: il cane può agitarsi, camminare avanti e indietro, piangere, abbaiare, ululare – con ciò chiedendo a gran voce al proprietario di tornare – o distruggere oggetti in casa sfogando così il suo disagio. O, ancora, potrebbe fare i suoi bisogni in casa, un comportamento legato alla sensazione quasi di panico che vive.

In questa situazione, un primo prezioso consiglio è quello di prevenire il disagio partendo proprio dalla vacanza: già dal soggiorno fuori casa occorre prevedere dei momenti di separazione, dedicandosi ad attività durante le quali il cane può restare in camera o appartamento. Al rientro a casa, se il cane dovrà passare tante ore da solo ogni giorno è bene spezzare la sua giornata, ad esempio passando qualche ora in compagnia di un dog-sitter. Inoltre, sfruttando il clima settembrino, è molto utile portarlo a fare una lunga passeggiata alla mattina e poi in area cani alla sera in modo che il ritorno alla realtà non sia troppo brusco e possa anche lui dolcemente essere accompagnato verso i ritmi autunnali.

Sono poi di aiuto i feromoni, un messaggio naturale di benessere e tranquillità: un vero “bentornato a casa” rasserenante di grande aiuto in questo momento.  “I feromoni, in tutto simili a quelli rilasciati in natura da mamma cane durante l’accudimento e allattamento dei piccoli, sono sostanze non farmacologiche di efficacia dimostrata nel dare serenità ai cuccioli e ai cani adulti  chiarisce Francesca Frigerio, responsabile marketing delle Linee OTC di Ceva Salute Animale – Sono disponibili sia sotto forma di diffusore per ambiente da usare in casa, senza essere in alcun modo percepiti da persine o altri animali,  o collare, per prolungare il beneficio anche all’esterno e in passeggiata. Con la linea Adaptil possiamo davvero creare una ‘casa dolce casa’ per il cane che rientra dalle vacanze in modo che possa affrontare con serenità il passaggio verso l’autunno e il momento della separazione”.

redazione@vanitypets,it